Premi "Invio " per saltare al contenuto

Pechino, l’Antitrust assedia Alibaba & co.



ServizioANTIMONOPOLIO

Nasce la super task force che dovrà vigilare sulle posizioni di monopolio

di Rita Fatiguso

Nasce la super task force che dovrà vigilare sulle posizioni di monopolio

2′ di lettura

Non si ferma l’attacco concentrico al potere dei giganti cinesi dell’online. Dopo le nuove regole microprestiti che hanno stoppato a inizio mese la doppia quotazione miliardaria di Ant Financial, la piattaforma di pagamenti di Alibaba, il Consiglio di Stato ha varato una nuova task force di 17 entità governative ministeriali o dipartimenti che dovranno vigilare sul loro operato per evitare lo sfruttamento di posizione dominante da parte di protagonisti come Alibaba o Tencent.

La mission della super task force. Del nuovo ente di controllo si sa ancora poco. Di certo si sa che il capofila sarà la State Administration for Market Regulation, seguita da agenzie di livello ministeriale, dalla Banca centrale, dalla China Banking and Insurance Regulatory Commission, dalla China Securities Regulatory Commission fino al ministero della Pubblica sicurezza.Si tratta di un passo ulteriore nella revisione cinese della legge Antitrust – è la prima volta da oltre 11 anni – per metterla al passo con i tempi, tarandola sul dominio dei giganti online cinesi. La bozza di revisione della legge Antitrust appena pubblicata chiede al pubblico suggerimenti e correzioni entro la fine del mese.

Loading…

Il nuovo Antitrust. La bozza amplia i criteri utilizzati per valutare il controllo di un mercato da parte di una società e menziona per la prima volta gli attori del web, le loro economie di scala, gli effetti di blocco dei loro prodotti o servizi e la loro capacità di gestire ed elaborare i dati, tra le altre cose.

La proposta segna un cambiamento radicale rispetto alla versione attuale della legge, implementata nel 2008,ben prima del boom del settore Internet in Cina. Dal 2018, il Paese vanta sette delle prime 30 società per capitalizzazione del mercato Internet globale, tra cui Alibaba, Tencent e Meituan Dianping.

La bozza rafforza anche le potenziali sanzioni finanziarie per i trasgressori fino a cento volte tanto.Chi viene accusato di comportamenti monopolistici subirà la confisca dei proventi e multe tra l’1% e il 10% delle entrate per l’anno fiscale precedente.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *