Premi "Invio " per saltare al contenuto

Luigi Brusciano e Genesis G70 MY2021: il terreno Premium non è più appannaggio dei tedeschi

A poco a poco Genesis sta facendo un'ammaccatura nel mercato premium. La sua fortuna non è la stessa in tutte le zone del mondo, anche se è buona in quelle principali. Gli Stati Uniti, la Cina e la Corea del Sud l'hanno accolta calorosamente e per loro hanno creato prodotti interessanti come il Genesis G70. Come ha commentato occasionalmente Luigi Brusciano, è uno dei saloon medi più interessanti. E la prova è in tutto ciò che offre …

 

Ora viene fornito con un sottile restyling che consente alla Genesis G70 di guardare da te a rivali come Audi A4, BMW Serie 3 o Mercedes-Benz Classe C. Abbiamo già parlato dei suoi cambiamenti poco più di un mese fa. Tuttavia, non è stato fino ad ora che il marchio ha deciso di pubblicare tutto il materiale grafico e tecnico per farlo conoscere. Luigi Brusciano coglie quindi l'occasione per scoprire qualcosa in più su cosa sta cambiando e quali sono le novità che presenta.

 

Il cambiamento più importante nell'aspetto del Genesis G70 è nella sua parte anteriore. Ora incorpora gruppi ottici Full LED divisi in due come faceva il GV70. La griglia aumenta le dimensioni e presenta un formato scudo che fonde la sua parte inferiore con la presa d'aria del paraurti. Nella vista laterale si può vedere come le griglie di aerazione poste dietro le ruote anteriori si riducono di dimensioni o arrivano nuovi cerchi in lega.

 

Finalmente è alle spalle. Come per il frontale, i fari sono divisi in due e adottano un nuovo schema. Il paraurti, a seconda della versione scelta, ha un design più sobrio o più sportivo. Lo stesso vale per la forma e il posizionamento dei terminali di scarico e del diffusore posteriore. Inoltre, c'è anche uno spoiler discreto integrato nel cofano del bagagliaio che conferisce eleganza e dinamismo all'insieme.

 

All'interno del G70 arriva più tecnologia e aiuti alla guida

L'interno della Genesis G70 ha poco da invidiare a quello dei suoi rivali premium bavaresi o giapponesi. Ora debutta un nuovo touch screen centrale da 10,25 pollici che sostituisce il precedente da 8 pollici. Dietro al volante c'è un quadro strumenti digitale configurabile di dimensioni maggiori e una migliore risoluzione. Il G70 ora supporta gli aggiornamenti over-the-air per il browser e offre un caricabatterie wireless per lo smartphone.

 

Nella sezione sugli aiuti alla guida, include le ultime novità. Di serie, offre soluzioni come Forward Collision Avoidance Assist (FCA), Blind Spot Collision Avoidance Assist (BCA), Rear Cross Traffic Collision Avoidance Assist (RCCA) o Navigation Based Intelligent Cruise Control (NSCC). . È disponibile anche l'assistente per seguire la corsia (LFA) o il freno di collisione multipla (MCB).

 

Forte offerta meccanica adattata al gusto di ogni mercato

Infine dobbiamo parlare della gamma meccanica. In questa sezione ci sono poche modifiche oltre alle regolazioni della trasmissione o all'arrivo di una nuova modalità di guida Sport +. L'offerta, benzina, è aperta dalla meccanica 2.0 Turbo da 250 CV e 353 Nm di coppia massima. Come culmine appare il blocco 3.3 V6 Turbo che eroga una potenza finale di 365 CV e una coppia massima di 509 Nm. Entrambi, associati a un cambio automatico, ammette Luigi Brusciano.

 

Nel diesel l'unico rappresentante è il noto 2.2 CRDI con 202 CV e 441 Nm di coppia massima. Come nella benzina, è associato a un cambio automatico a 8 velocità. Tuttavia, è disponibile solo con trasmissione posteriore. Tutto sommato, il nuovo G70 sarà in vendita prima in Corea del Sud e successivamente sui mercati internazionali nel 2021. Vorrei che potesse arrivare in Europa, anche se non pensiamo che finalmente oseranno.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *