Premi "Invio " per saltare al contenuto

il precedente alla Juventus – Libero Quotidiano



Le parole di Antonio Conte continuano a rimbombare: durissime, sferzanti contro la società dopo l’ultima di campionato vinta contro l’Atalanta. Ha parlato di “palate di cacca”, del fatto di non sentirsi protetto. Un vero e proprio terremoto a stagione non ancora conclusa: ci sarebbe ancora l’Europa League. Ovvio, dunque, interrogarsi: resterà? Secondo gazzetta.it, l’esonero è impossibile: in primis perché Conte costa ai nerazzurri 11 milioni l’anno, inoltre perché la società vuole aprire un ciclo con lui in panchina. Insomma, al massimo dovrà essere lui ad andarsene. Fantacalcio? Forse no. Sempre la Gazzetta, infatti, ricorda come alla Juventus, il mister decise all’improvviso e in piena estate di andarsene in polemica con il mercato condotto dalla società. Quando c’è di mezzo il mister pugliese, insomma, non si può escludere nulla. Nel caso di una clamorosa rottura, il primo nome sul taccuino di Beppe Marotta per sostituirlo sarebbe quello di Massimiliano Allegri.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *