Premi "Invio " per saltare al contenuto

Pioli dopo Napoli-Milan: “In partita contro tutti”


Il tecnico rossonero: “Futuro? Non posso occuparmi di cose che non controllo. Il mio Milan ora è una squadra, ma siamo stanchi, mercoledì farò dei cambi”

Stefano Pioli accoglie con un sorriso il pari contro il Napoli: “Dopo un primo tempo di sofferenza la squadra ha fatto meglio nella ripresa, portando via un risultato importante – dice il tecnico rossonero a Sky Sport -. Contro la Juve avevamo speso moltissimo dal punto di vista mentale. Le difficoltà ci sono, abbiamo appena affrontato quasi in serie Roma, Lazio, Juve e Napoli, ma sappiamo stare nella partita anche contro le grandi. Anche in serate come questa, in cui il Napoli ha palleggiato meglio di noi”.

Rangnick

—  

Su ciò che accadrà nei prossimi mesi, con l’incombente arrivo di Ralf Rangnick al Milan, Pioli non vuole soffermarsi troppo: “Non sto pensando al mio futuro, il 3 agosto ci sarà il tempo di prendere le decisioni, che saranno fatte insieme – assicura -. Ora vogliamo solo finire questo campionato senza rimpianti, non posso perdere tempo in cose che non sono in grado di controllare”.

Spirito

—  

La rabbia di Ibra al momento della sostituzione non ha infastidito l’allenatore: “Ogni giocatore vuole sempre restare in campo – taglia corto -. Sono sempre stato convinto della qualità dei miei uomini, lavoriamo insieme da troppo poco tempo… però è stato sufficiente per diventare squadra. Lo si vede dai risultati che stiamo ottenendo contro chi ci precede, era il nostro problema nel girone d’andata. Giocare ogni tre giorni comunque è durissima, a fine partita ho visto in spogliatoio giocatori molto stanchi. Sicuramente mercoledì farò qualche cambio. Sul primo gol eravamo troppi bassi come linea sulla punizione? È una nostra scelta, stavolta abbiamo sbagliato a seguire un movimento dei giocatori del Napoli”.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *