Premi "Invio " per saltare al contenuto

Udinese-Sampdoria 1-3: Lasagna e Quagliarella, poi Bonazzoli e Gabbiadini


Tre punti d’oro per la squadra di Ranieri (in tribuna perché squalificato): spettacolari le quattro reti, con la rovesciata di Bonazzoli da applausi

Passo avanti fondamentale della Sampdoria verso la salvezza con la vittoria per 3-1 a Udine. Dopo il gol di Lasagna arrivano quelli di Quagliarella, Bonazzoli e Gabbiadini. Entrambe le squadre sono a quota 35, tranquille ma non troppo.

Convinzioni

—  

Udinese e Sampdoria cercano di rafforzare le convinzioni salvezza. Luca Gotti sceglie Nestorovski al fianco di Lasagna, Ranieri (squalificato, in panchina Benetti) risponde con Ramirez e Quagliarella in attacco. La prima fiammata è della Sampdoria con Linetty che scarica un destro in corsa sul quale Musso interviene in due tempi. Meglio la Samp che al 14’ è anche fortunata: la palla non esce sul fondo, sbatte sulla bandierina e torna da Quagliarella che crossa per Ramirez il cui colpo di testa obbliga Musso a una grandissima parata. L’Udinese gioca in orizzontale ed è facile per i doriani pressare. Ramirez ruba palla a Jajalo, lascia a Quagliarella che dal limite calcia e Musso blocca in due tempi. Il primo segno di vista friulano è fortuito. Corner di De Paul al 20’, Walace si ritrova la palla addosso e quasi trova la porta. I friulani crescono e al 37’ passano. Lancio di Stryger Larsen per Lasagna che furbescamente sbilancia Yoshida nel momento in cui sta colpendo di testa. L’attaccante dell’Udinese controlla e con il sinistro calcia preciso a incrociare. Per il capitano è il 10° gol in campionato, il 6° dalla ripresa della Serie A. Dieci sono i gol anche di Quagliarella che durante l’unico minuto di recupero pareggia: lancio di Thorsby, sponda di Ekdal, destro al volo dell’ex attaccante friulano. Finisce 1-1 il primo tempo.

Sorpasso

—  

Si riparte con la Sampdoria ancora più brillante. Il sinistro di Bonazzoli finisce largo ma è deviato. La risposta friulana arriva con Lasagna che all’8’ obbliga Audero a salvare sulla linea. E la squadra di Gotti sale di tono. Al 20’ De Paul ci prova da lontano, Audero devia in corner. Dopo un lungo periodo di stanca, Gabbiadini toglie la polvere con un sinistro potente sul quale Musso mette la mano. La Sampdoria sembra crederci di più e a 6’ dal 90’ passa. Palla impazzita in mezzo all’area a causa di un rimpallo tra due difensori friulani, Bonazzoli si getta in aria e in rovesciata segna il gol del sorpasso. Tre minuti e l’Udinese pareggerebbe. Audero sbaglia l’uscita, rinvia addosso a Nuytinck che segna. L’arbitro Valeri però controlla il tutto al Var e nota il tocco di mano annullando così il gol. Il difensore olandese si smarrisce quando al 4’ di recupero lascia cadere una palla senza contrastare Gabbiadini. L’attaccante controlla e incrocia con il sinistro per il 3-1. Finisce con una sconfitta per l’Udinese, un duro colpo per i friulani che ora devono rimettere ancora la testa sul pulsante salvezza.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *